Saurus Hotel
S.S. 96 Km 84,229
70022 Altamura (Bari) ITALY
tel. +39 0803142194 _ +39 0803149812
fax 0803161205
eMail: info@saurushotel.it
L'HOTEL CAMERE E SUITE IL RISTORANTE RICEVIMENTI E CONGRESSI DOVE SIAMO PUGLIA TARIFFE OFFERTE E NEWS PRENOTAZIONI

Matera, in Basilicata

Matera è una bellissima città della Basilicata, di circa 55.000 abitanti capoluogo di provincia, dichiarata patrimonio dell'umanità dall'Unesco dal 1993.
È situata sulle pendici occidentali delle Murge. Situata su di un altipiano e circondata dal burrone della Gravina, Matera richiama agli occhi del visitatore un paesaggio dantesco per la natura aspra del luogo. I Sassi di Matera sono stati anche lo scenario dell'ultimo film girato da Mel Gibson, "La Passione di Cristo".
Il nucleo storico, i famosi Sassi di Matera, si trova su uno sperone roccioso ed è in gran parte scavato nel tufo, mentre l'abitato più recente si è sviluppato negli avvallamenti circostanti. Un incredibile complesso di grotte, cavità naturali e scavate dall'uomo, piccole costruzioni addossate le une alle altre e interdipendenti, fatte della stessa roccia calcarea che forma la montagna, si offre agli occhi del viaggiatore che, appena giunto, di solito si affaccia dal piazzale della cattedrale rimanendo attonito. Sul versante opposto si possono vedere nella roccia della montagna numerose altre grotte che furono abitate da eremiti.

In epoca romana la città (civitas) si sviluppava nella parte alta, circondata da mura, mentre nella parte bassa della montagna vi erano edifici rurali. Nel corso dei secoli però le due parti si fusero fino ad assumere l'aspetto attuale. Dopo aver perso il ruolo di capoluogo in favore di Potenza (1806), Matera attraversò un lungo periodo di profonda decadenza e di crisi che ridusse la popolazione in uno stato di povertà allarmante, con case trasformate in stalle, denunciando un pesante stato di arretratezza rispetto al resto del paese. Esisteva però un sistema di cisterne scavate e di canaletti che permetteva di raccogliere e trattenere l'acqua piovana che altrimenti si sarebbe dispersa verso il fondo valle.

I Sassi vengono divisi in Caveoso, verso sud, e Barisano verso ovest. Sono state contate circa 3000 abitazioni, molte delle quali oggi sono ancora abitate. Di fatto si tratta di proprietà demaniali (il 70%) che a volte vengono occupate da giovani in cerca di prima abitazione. La realtà sociale ancora difficile impedisce di lasciare i sassi che possiedono servizi e allacciamenti piuttosto fortunosi. In molti casi le piccole abitazioni vengono trasformate e parzialmente rielaborate. È in atto un lungo lavoro di restauro di tutto il complesso.
Un giro attraverso i vicoli porta anzitutto alle numerose e bellissime chiese, molte delle quali ipogee. Domina l'abitato la cattedrale, un pregevole esempio di romanico pugliese, con un rosone sulla facciata in pietra locale. La costruzione, che si sviluppa sui resti di antiche cripte distrutte, venne ultimata nel 1270 per volere dell'arcivescovo Andrea e ospita frammenti di templi provenienti da Metaponto. All'interno, diviso in tre navate da colonne con capitelli diversi, è possibile ammirare affreschi bizantini, un coro ligneo del XVI secolo e un presepe in pietra di Altobello Persio del XVI secolo.
Proseguendo è possibile vedere la chiesa di San Pietro Caveoso del XII secolo, costruita a strapiombo nel sasso omonimo, mentre nel sasso opposto si trovano San Pietro Barisano che risale originariamente al XI secolo ed è in gran parte scavata nella montagna, e Sant'Agostino della fine del XVI secolo, edificata su una cripta rupestre del XII secolo.
Di grande interesse le numerose chiese rupestri che si incontrano lungo il cammino, alcune della quali oggi ospitano suggestive esposizioni di arte contemporanea (soprattutto durante la stagione estiva). Sono state censite quasi 130 chiese, molte della quali presentano affreschi, altari e sculture, sono in parte scavate, in parte completate da strutture murarie o ipogee. La maggior parte di esse è testimonianza della civiltà monastica greco-bizantina fra l'VIII e il XIII secolo. Il fronte opposto a quello abitato offre una uguale ricchezza di testimonianze e la possibilità di scoprirle attraverso una piacevole passeggiata. Si ricordano San Nicola dell'Ofra, la Madonna delle Croci, le cripte di San Eustachio, la Madonna di Monteverde, la Madonna degli Angeli, la Madonna del Giglio, Santa Barbara e i bellissimi affreschi di San Nicola dei Greci.

Altre chiese punteggiano il tessuto cittadino: San Giovanni Battista, del XIII secolo, così come San Domenico, o San Francesco d'Assisi i gran parte modificata nel corso del XVIII secolo, periodo a cui risale anche la chiesa del Purgatorio Nuovo. La piccola chiesa della Mater Domini appartenne all'ordine dei Cavalieri di Malta e risale al XVII secolo. Il complesso di Santa Chiara, invece, risale al XVI secolo, ma fu ampiamente ristrutturato due secoli più tardi.
All'infelice vicenda del conte Tramontano si lega anche quella del castello che egli decise di far erigere durante il suo dominio. Il conte perse gran parte delle sue sostanze al gioco, fatto che fu la causa delle sue disgrazie e della sua fine: il popolo esasperato dalla pesantezza della tassazione lo uccise, e il castello rimase incompiuto.
Fra gli altri edifici storici di Matera si ricordano il Palazzo della Prefettura, ex convento dei padri predicatori e originario del XIII secolo, ma ampiamente rifatto, e il baroccheggiante Palazzo dell'Annunziata del XVII-XVIII secolo, antico convento, poi sede del Tribunale e dal 1981 sede della Biblioteca Provinciale "T. Stigliani". Il Palazzo del Sedile, costruito nel 1540 e ristrutturato nel 1759, presenta una facciata fiancheggiata da due torri campanarie e ornata da sei statue; oggi è sede del Conservatorio di Musica "E.R. Duni", con annesso Auditorium. Merita anche Palazzo Lanfranchi che presenta una facciata simmetrica nell'intento di unificarlo all'attigua chiesa del Carmine; venne costruito per ospitare il seminario Diocesano.

I Musei di Matera

Museo Ridola. 'altopiano della Murgia che si estende da Matera al Salento (Gravina, Altamura, Laterza, Ginosa e Massafra) è ricco di testimonianze del periodo neolitico e di villaggi fortificati particolarmente significativi. Molti dei reperti raccolti attraverso gli scavi sono stati raccolti da Ferrandina Domenico Ridola fra i primi studiosi del territorio materano e fondatore dell'importante museo a lui ancora oggi dedicato. Ridola condusse scavi soprattutto nella zona attorno a Timmari e raccolse sarcofagi, vasi, gioielli, vasi, terrecotte...

La casa grotta di Vico Solitario Sasso Caveoso, in vico Solitario, nei pressi della Chiesa di San Pietro Caveoso. Orario: tutti i giorni, comprese domeniche e giorni festivi con orario continuato dalle 9:30 fino a sera. La struttura è provvista di una spiegazione audio multilingue (Italiano, Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo, Giapponese). Costituisce una fedele ricostruzione, arredata con mobili ed attrezzi d'epoca, di una tipica casa-grotta così come fu vissuta fino a poco prima dell'evacuazione degli anni Cinquanta. Limitrofe alla Casa sono inoltre visitabili una enorme cavità scavata nella roccia utilizzata un tempo come neviera, una suggestiva grotta naturale nella quale è possibile seguire in video documentari sulla città di Matera e una Chiesa Rupestre del IX-X secolo d.C. sede di mostre d'arte in diversi periodi dell'anno.

Museo della civiltà contadina. Sasso Baresano, Via S. Giovanni Vecchio, 60 - tel. 0835/385248 / 0328/6113454 - 75100 Matera. Orari: sabato e domenica 10-13; 16-20. Feriali solo gruppi organizzati, su prenotazione - tel. 0835/385248. Il museo ricostruisce gli ambienti ed i mestieri di un tempo, legati al lavoro dei campi e alle attività artigianali (arrotino, sellaio, calderaio, ciabattino, vasaio, fornaciaio, conciapiatti, pamieraio, cavamonti, muratore, fabbro, mastro d'ascia, ebanista, sarto, conciapelli), cercando di ricreare le antiche consuetudini di vita.

Richiedi informazioni »

Puglia
Matera, in Basilicata
Matera è una bellissima città della...
Gravina di Puglia
La felice posizione geografica e la ricchezza del suolo...
Alberobello
Su due rilievi collinari, anticamente interrotti da un...
Andria
Andria : fondata, secondo la leggenda dall'eroe greco...
SAURUS Hotel albergo, ristorante, congressi e meeting
S.S. 96 Km 84,229 - 70022 Altamura (Bari) Puglia

tel. +39 0803142194 _+39 0803149812 _ fax 0803161205 _ eMail: info@saurushotel.it


© Copyright Saurus Hotel _ P.Iva 508010725 _ Tutti i diritti riservati _ sviluppo web logovia